YouTube

Piattaforma web per la condivisione (sharing) di video

  • YouTube UNC: quando i nodi vengono al pettine

    Unione Nazionale ConsumatoriIl blog di Fulvio Sarzana riporta una notizia davvero molto interessante, specialmente se rapportata al dibattito attualmente in corso sul regolamento AgCom relativo al diritto d’autore in rete.
    Il canale su YouTube dell’Unione Nazionale Consumatori, associazione che fin dal 1955 si è sempre occupata della tutela dei consumatori, è stato cancellato. Trattandosi di una associazione di consumatori per i consumatori, la motivazione della eliminazione si presenta piuttosto bizzarra, visto che il noto portale di videosharing ha contestato all’UNC la violazione delle norme sul diritto d’autore. In particolare risulta che la cancellazione dell’intero canale, e quindi non di singoli video, è avvenuta a seguito di specifica segnalazione del titolare dei diritti (Mediaset RTI) in quanto lo stesso canale avrebbe ospitato alcuni brevi estratti di trasmissioni televisive messe in onda da Mediaset.

  • Perché Google blocca la conversione massiva dei suoi video in musica

    youtube-mp3Notizia degli ultimi giorni è che alcuni dei servizi online di estrazione di musica dai video di YouTube hanno chiuso o starebbero chiudendo a seguito di proteste da parte di Google.
    È accaduto a clipdj, ma anche youtube-mp3.org sarebbe a rischio. Molti dei siti che offrono un servizio di estrazione dell'audio dai video di YouTube per poi salvare il solo audio in locale, infatti, hanno ricevuto una intimazione da parte di Google a terminare quel tipo di servizio. I legali del sito di Moutain View hanno inviato una lettera con la quale imponevano senza mezzi termini il blocco delle loro attività per violazione dei termini di servizio di YouTube (TOS), termini che consentono soltanto lo streaming dei contenuti e l'embedding su altri siti, vietando la separazione delle componenti audio e video.

  • Per l'industria del copyright le utilizzazioni libere (fair use) non esistono

    buffy-vs-twilightIn materia di diritto d'autore, o copyright per estendere il discorso anche ad altri paesi, è normale sentir dire che la copia di un file è illecita a prescindere, se realizzata in assenza del consenso del titolare dei diritti. Questa prospettiva è sbagliata in quanto esistono le cosiddette utilizzazioni libere (fair use se ci riferiamo ai paesi anglosassoni) che consentono l'uso di un file sul quale incombono diritti d'autore, anche in assenza del suo consenso.

    Il diritto d'autore, infatti, non è un diritto inviolabile che conferisce agli autori il controllo assoluto e la proprietà sulle loro creazioni, e il fair use è progettato per fungere da contrappeso a tale diritto.
    La dottrina del fair use statunitense è la regola che prevede la possibilità di utilizzare liberamente parti di opere protette dal copyright per scopi "limitati" e di "trasformazione".

  • Di nuovo sul caso Dancing Baby

    Continua l'epopea del caso Dancing Baby, ovvero il processo Lenz contro Universal, avente ad oggetto un video di poche decine di secondi del figlio della signora Lenz che danza sulle note, poco udibili invero, di una canzone di Prince.